Review apparsa sul Canadian Medical Association Journal in cui gli autori, dopo aver esaminato 32 studi randomizzati e controllati inerenti varie forme di prevenzione del declino cognitivo, concludevano che:
1. l’analisi dei dati evidenziava come l’utilizzo di farmaci come il deidroepiandrosterone (DHEA) o la supplementazione di Ginkgo, di vitamine e altre sostanze non produceva alcun effetto significativo di tipo preventivo; 2. la terapia estrogenica mostrava addirittura un aumento del deterioramento cognitivo e della demenza; 3. l’esercizio fisico mostrava solo deboli correlazioni con la prevenzione del decadimento cognitivo; 4. l’attività cognitiva, viceversa, ha mostrato benefici nei tre studi clinici inclusi nella review.
Programmi di allenamento cognitivo computerizzati o programmi di stimolazione intensiva delle funzioni cognitive come la memoria, il ragionamento o la velocità di elaborazione hanno migliorato significativamente le prestazioni cognitive dei partecipanti e tali risultati sono rimasti stabile anche al follow-up a 5 anni.
Un altro studio preso in esame dalla review, dimostrava come un gruppo di anziani dopo aver partecipato a un programma di training cognitivo computerizzato, migliorasse significativamente le prestazioni di memoria e di attenzione.
In definitiva secondo questa review sarebbe l’allenamento delle funzioni cognitive ad essere l’intervento preventivo d’elezione per contrastare l’invecchiamento cerebrale.

leggi l’articolo (in lingua inglese)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *